Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Perchè il distretto

Pubblicato su da distretto.1ee.santacristina.over-blog.it

 

 

 

 

Paolo e l'M2 

 

 

 

 Più di dieci anni fa quando nella nostra Provincia parlare di Caccia di Selezione era quasi un tabù, mi vedevo seguace di uno sparuto gruppetto di abilitati dalla provincia di Modena, che organizzavano riunioni parlando di questo nuovo metodo di caccia e di un  nuovo concetto, l'etica venatoria. Da subito ho accolto con entusiasmo queste idee che fin'ora ignoravo, diventando socio dell'associazione che con la sua azione ha aperto la strada alla gestione del capriolo in Umbria, l'URCA.

Sono stato abilitato al primo corso nel 2000, quando nel frattempo veniva aperto il primo distretto sperimentale a Scalocchio. Da allora fino a febbraio 2010 ho cacciato nel distretto 1G Montone dove, oltre alle indescrivibili soddisfazioni venatorie, ho avuto la fortuna di trovare delle persone che come me subordinavano la caccia al rispetto delle regole e dell'etica venatoria.

 

Ora la caccia di selezione è diventata una moda. Tra i nuovi corsisti sono sempre più coloro che vogliono l'abilitazione per tirare qualche fucilata ad agosto o a febbraio, che per convinzioni etiche gestionali.

In qualche distretto, sono entrati soggetti che non dovevano diventare cacciatori di selezione, ed in alcuni casi nemmeno essere cacciatori. Questi individui, sprezzanti delle regole, vogliono portare i vizi e le loro cattive abitudini in questa caccia. Il controllo di chi è preposto a tale servizio, per un problema forse di sproporzione tra quantità di territorio e numero degli addetti, è pressocché inesistente. Nei distretti, spesso troppo grandi per essere ben controllati, non si pone un freno adeguato a pratiche che vanno contro i principi etici sui quali questa caccia si basa. Il rischio che la situazione possa sfuggire di mano è molto alto.                

 

Questa analisi che io ritengo oggettiva, mi ha indotto a dover fare delle scelte.

Continuare la mia esperienza a Montone, o rinunciare a qualche soddisfazione venatoria e per coerenza impegnarmi in un nuovo distretto. La zona rimasta ancora libera, è tra l'1 N Castiglione, l'1 U Montanaldo, l'1 Z Fratticiola e la Z.R.C di Montelabate. Questo è il mio territorio, è quì che sono nato, qui sono nati i miei antenati da ben sedici generazioni, con esso il legame è profondo e forti quindi le motivazioni. Il mio obbiettivo è fare in modo che nell'1ee il rispetto dei principi etici e dei regolamenti divenga abitudine.  

 WAIDMANNSHEIL

 

 

 

 

 

 

Commenta il post